Workshop in Italiano…

TAC Teatro & Giulio Valentini presentano:

GERALD THOMAS A MILANO
“Due anni fa ebbi la fortuna di vedere lo spettacolo – Entredentes – nel teatro Sesc Consolação di Sao Paulo, e da quel momento cominciai a raccogliere notizie sullo straordinario regista che lo aveva concepito: così incontrai per la prima volta Gerald Thomas!
Contravvenendo a quanto affermato dal critico teatrale brasiliano Alberto Guzic, secondo il quale critici e spettatori sono spesso così impegnati ad amare o odiare la sua opera da non comprenderla veramente oltre la cortina fumogena strutturale e allegorica che lui è solito costruire, ogni singolo elemento di quello spettacolo mi seguì per mesi. La struttura politico-mitologica del tutto, i tic ossessivi dello straordinario attore Ney Latorraca, i monologhi poetici e paradossali di Maria de Lima continuarono di tanto in tanto a tornare in riflessioni e ricordi condizionando da quel giorno in poi il mio sguardo teatrale. Da quello spettacolo ebbi il sogno di conoscere di persona Gerald Thomas e magari partecipare a un suo workshop e quel momento è arrivato!”
Giulio Valentini

Dal sito ufficiale di Gerald Thomas:
“Mi aspetto che la maggior parte di voi sia esausta. Dopo anni e anni di sperimentalismo, post-modernismo, la retorica del teatro post-iconoclasta, tutti voi percepite come il nostro fantastico mondo stia cadendo a pezzi. Beh, non siete soli.
Quando ho iniziato a lavorare con Samuel Beckett (faccia a faccia), nel 1984 a Parigi, anche lui aveva questa percezione. Avevo 33 anni e il “New York off off Broadway” era fresco e fiorente. C’erano gruppi come la Mabou Mines, Richard Foreman, The Wooster Group, Bob Wilson e altri ancora (solo per citare 5 isolati sulla Second Avenue, tra la East 10th Street e East 4th Street).
Ora, decenni più tardi, e dopo aver lavorato in più di 17 paesi, scritto 84 opere teatrali, messo in scena 20 opere “moderne”, 13 opere tradizionali e aver lavorato con i migliori tra i migliori (come Julian Beck, Philip Glass, Heiner Müller ecc…), mi siedo qui in preda alla disperazione, pensando a ciò che io possa fare per recuperare quella ‘freschezza’. Dalle email che ricevo e dalla mera intuizione, sento che molti sono come persi e/o rigurgitando vecchio materiale.
Ecco la domanda: ” come artista, che cosa hai da dire?”
Questo è il punto cruciale. Molte persone vogliono solo ‘esprimersi’ come se la nostra professione fosse una mera terapia occupazionale. Ma non lo è. E’ talento ed è un talento unito a un fantastico controllo del sistema emozionale, capace di rendere l’artista molti passi avanti rispetto al resto dell’umanità, capace di far vedere a lui ciò che gli altri non possono vedere. No, non è chiaroveggenza e non è nemmeno una sfera di cristallo: è arte.
“Come artista, che cosa hai da dire?”
Ebbene nel mio laboratorio, vi chiederò questo più e più volte. No, non c’è bisogno di avere una ‘missione’. Ma è necessario avere una motivazione, una “causa”.
E’ indispensabile anche che si conosca il più possibile il mio lavoro. Dopo tutto, io non insegno un teatro generico, io insegno il “Teatro di Gerald Thomas”, un teatro che è stato raccontato attraverso cinque libri e in tanti corsi post laurea in tutto il mondo.

Ecco un link vorrei vedeste:
https://vimeo.com/105034878
Per il resto, ci sono centinaia di video di mie produzioni online su:
http://geraldthomas.net/
www.geraldthomas.com
“And welcome to the world of risk taking!”
LOVE
Gerald Thomas

DATAS: https://www.facebook.com/events/553159424855172/

– Saturday 4 June 2016 time 11h-18h

– Sunday 5 June 2016 hours 11h-18h

– Saturday  11 June 2016 hours 11h-18h

– Sunday 12 June 2016 hours 11h-18h

– Saturday  18 June 2016 hours 11h-18h

– Sunday 19 June 2016 hours 11h-18h

Comments Off on Workshop in Italiano…

Filed under Uncategorized

Comments are closed.